17 Gennaio 2019
News
percorso: Home > News > News Generiche

Il Parroco e gli Organi Parrocchiali di San Venanzio comunicano quanto segue in relazione alle necessità della Scuola dell´Infanzia Maria Ausiliatrice

16-02-2018 11:20 - News Generiche

Dopo il terremoto del 26 ottobre la parrocchia, le famiglie dei bambini iscritti all´asilo, le maestre, si sono trovati senza una struttura agibile.
Il Parroco, sentiti gli Organi Parrocchiali, dopo diversi mesi di chiusura raccolte le pressanti richieste delle famiglie e di tutta la comunità, accogliendo la generosità di un parrocchiano, decide di continuare l´anno scolastico spostando la scuola in un appartamento di Montagnano; soluzione provvisoria, per sopperire ad una esigenza urgente e contingente agli eventi sismici.
Spronato dalle famiglie dei bambini e dalla voglia di non far morire questa istituzione a servizio alla comunità di Camerino (si accolgono bambini non solo della parrocchia di San Venanzio ma anche di tutta la nostra città) ed anche dei paesi limitrofi che purtroppo non possono avere il nido per motivi di spopolamento), comincia a cercare probabili benefattori che potrebbero contribuire alla salvezza della scuola.
Cominciano ad arrivare proposte di donazioni da diverse aziende che sono sensibili ai problemi di noi terremotati ed in particolare dei bambini che hanno bisogno della scuola pubblica e/o parificata (la loro generosità non fa differenza tra scuola pubblica e scuola parificata).
La prerogativa più importante è quella che la nuova struttura dovesse dare il massimo della sicurezza in caso di sisma, anche in caso di magnitudo alta.
Cominciamo quindi a cercare un terreno idoneo ad ospitare questa struttura e nel frattempo ci vengono proposti nuovi aiuti anche da altri benefattori.
Dopo una ricerca autonoma che non porta a nessun risultato, decidiamo di interpellare il Comune di Camerino affinché individuasse, all´interno del territorio comunale un´area idonea dove poter edificare la struttura (gennaio 2017); cosa fatta anche da altri Enti e Associazioni.
Il Comune di Camerino ci chiede di mostrare un progetto di massima per potersi rendere conto della superficie di cui avevamo bisogno.
Impostiamo, quindi, il primo progetto della struttura scolastica e ci interfacciamo con le leggi nazionali e regionali che regolano tali strutture.
Alcuni esponenti del Comune sentono il servizio tecnico del Comune per poter individuare le aree disponibili.
Diverso tempo dopo ci contattano dicendo che solo un´area, nel quartiere di Montagnano, ancora libera e destinata a questo servizio, può essere idonea ad ospitare questa struttura (agosto 2017).
Il parroco porta a conoscenza della Diocesi la proposta di concessione dell´area fatta dal Comune con la formula del diritto di superficie.
Cominciamo quindi ad interfacciarci con l´ufficio tecnico del Comune ed a sviluppare in modo concreto il progetto esecutivo della struttura cercando di occupare solo per la minima parte necessaria, l´area che la normativa richiede.
Ci viene fatta esplicita richiesta da parte del Comune di mantenere la restante area a servizio del quartiere e di fare in modo di mantenere in funzione l´attuale campetto di gioco.
Convinti che purtroppo è inevitabile un restringimento del godimento dell´area da parte del quartiere ci siamo proposti di accollarci nel tempo la manutenzione dell´area verde pubblica, il rifacimento completo del campetto che in questo momento si trova in stato di abbandono, ed anche di ridare all´area nuovi giochi oltre a preservare al massimo tutte le alberature presenti.
Dopo aver constatato che alcuni abitanti del quartiere, manifestavano contrarietà alla realizzazione della scuola in quel sito siamo tornati in Comune chiedendo di nuovo se ci fossero altre aree disponibili (ottobre 2017).
Alcuni rappresentanti di coloro che sono contrari hanno chiesto al parroco un incontro per poter esporre le loro osservazioni ed in quella sede si sono espressi contro la costruzione della scuola portando come motivazione la necessità di mantenere a verde ogni metro di superficie dell´attuale area.
Il parroco, sentite le loro esigenze, chiede se sia possibile trovare una soluzione condivisa al problema, ed interroga di nuovo il Comune sulla possibilità di avere un´altra area idonea diversa da quella di Montagnano.
Purtroppo, il Comune risponde che non esiste altra area di sua proprietà con la destinazione urbanistica idonea alla costruzione della scuola.
Il progetto viene quindi rivisto e studiato in modo da limitare al minimo l´occupazione dell´area (1000 mq su 3500 mq), prevedendo di costruire la copertura con la tecnica del green roof (tetto verde), il quale in parte sarà anche accessibile dal giardino, ampliando l´attuale area giochi, ed impattando al minimo con la costruzione della struttura che avrà un´altezza di soli 3,50 ml. al livello di gronda; queste soluzioni portano inevitabilmente ad un innalzamento dei costi di costruzione ma vengono comunque prese in considerazione per poter trovare una soluzione accettabile per tutti (dicembre 2017).
Dopo l´uscita degli articoli sui giornali locali si è deciso di esporre alla comunità le nostre ragioni sperando di addivenire ad una soluzione ampiamente condivisa.
Ogni servizio a favore delle future generazioni è un arricchimento per tutta la comunità di Camerino e anche oltre; opportunità che non dobbiamo farci sfuggire, anche perché questo terremoto ha minato in modo profondo il futuro di questa nostra piccola realtà, già peraltro a forte rischio di spopolamento per mancanza di servizi alle famiglie e soprattutto a quelle giovani famiglie con bambini.
In conclusione vogliamo ribadire la necessità di continuare le attività della storica "Scuola materna Maria Ausiliatrice" con i principali oneri a carico della Parrocchia di San Venanzio, dei donatori e degli Enti vicini, in una nuova sede sicura.
Vogliamo confermare la correttezza delle azioni svolte e la ricerca della più completa legalità e legittimità, senza richiedere particolari privilegi.
Siamo aperti al confronto e ad ogni trasparente informazione e al tempo stesso determinati a mantenere una storica istituzione a Camerino, in luogo idoneo, in una struttura sicura e in tempi ragionevoli.
La Parrocchia di San Venanzio

Eventi

[<<] [Gennaio 2019] [>>]
LMMGVSD
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Foto gallery

[]

Corso Preparazione Matrimonio


Santa Messa ore 11,30 Tensostruttura Le Mosse.

Documenti

29-11-2018 - 304,42 KB - Chiesa Cattolica
icona relativa a documento con estensione pdf
Sinodo dei Giovani

Il documento finale sul Discernimento, un cammino da riscoprire per tutta la Chiesa.
29-11-2018 - 5,01 MB - Chiesa Cattolica
icona relativa a documento con estensione pdf
Sussidio Avvento 2018 CEI

Curato dall'Ufficio Liturgico Nazionale, uno strumento utile per vivere nel modo giusto il tempo dell'Avvento.
11-06-2018 - 18,14 KB - Parrocchie di Camerino
icona relativa a documento con estensione docx
ISCRIZIONE CAMPOSCUOLA 2018

Sono aperte le iscrizioni...
11-06-2018 - 18,72 KB - Parrocchie di Camerino
icona relativa a documento con estensione docx
ISCRIZIONE CRE 2018

Il modulo di iscrizione al CRE!!!

Prima Pietra

Un carissimo saluto alle autorità presenti al nostro Arcivescovo, al Sindaco della nostra città, al Magnifico Rettore dell’Università, ai rappresentanti della FISM, ai benefattori presenti a tutti voi che partecipate a questo giorno di grande gioia e di speranza per la nostra scuola dell’infanzia “Maria Ausiliatrice”. Essere qui oggi rappresenta la realizzazione di un progetto ambizioso, che a tratti ha assunto i contorni di un sogno: quello di riuscire a ricostruire una scuola chiusa e danneggiata a causa del terremoto. La scuola dell’infanzia rappresenta da sempre per la parrocchia di San Venanzio e credo per tutta la comunità cristiana di Camerino un centro vitale, un luogo di incontro con tante famiglie e di crescita per i tanti bambini che, a partire dalla generosa intuizione di don Mosè più di 50 anni fa, vi hanno trascorso gli anni della fanciullezza: una realtà viva e bella che non poteva veder terminare la sua storia in un momento così duro per la nostra città.
Non è stato semplice, ci sono stati momenti difficile, a volte anche di sconforto, ma il desiderio di poter dare un futuro certo e sicuro ai nostri bambini ci ha spinto a guardare oltre, a cercare aiuto, a cercare il sostegno di tutti quelli che come noi credono che la pluralità dell’educazione sia sempre una risorsa e mai una perdita.
Ci abbiamo creduto e insieme siamo giunti a questo giorno che per noi rappresenta una rinascita, il poter guardare al futuro della nostra scuola con più ottimismo perché finalmente vedremo realizzati gli sforzi degli ultimi mesi. La nuova scuola sarà realizzata con le più moderne e sicure tecnologie che permetteranno a tutti, e sottolineo a tutti, di avere un luogo sicuro e bello per la crescita dei bambini e per tutta la nostra città che ha bisogno di segni di speranza: credo proprio che l’inizio dei lavori di questa nuova scuola ne rappresenti uno tra i più belli. Da soli non potevamo realizzare tutto questo e oggi sono qui a ringraziare quanti con straordinaria generosità ci hanno sostenuto l’amministrazione Comunale GRAZIE la Chiesa GRAZIE, non è presente ma è doveroso ricordare il cavaliere Giovanni Arvedi che si farà carico della costruzione dell’intero edificio, della FISM, di tante parrocchie e associazioni, di gruppi ecclesiali e non solo che c’hanno voluto donare il frutto della loro generosità, in un’amicizia che è andata oltre la mera donazione economica: tanti di loro in questi mesi li avete incontrati e hanno partecipato alla vita della nostra comunità portando nel cuore la nostra storia in tante parti d’Italia.
Ma permettetemi ricordare in particolare la donazione di un bambino che insieme a sua nonna mi portò, mesi fa il frutto, di una sua piccola raccolta, rinunciando a piccole voglie quotidiane, appena € 40 che per me hanno avuto il sapore della donazione della vedova lodata da Cristo del Vangelo: ha dato tutto quello che aveva, e questo bambino rappresenta la generosità più bella di chi non avendo molto sa pensare a chi ha perso tutto: proprio per questo oggi rinasce la nostra scuola.
Un ringraziamento particolare va poi al signor Giovanni Mancinelli e alla sua famiglia che generosamente e gratuitamente ci hanno permesso, in questi mesi, di utilizzare la loro nuova casa come sede provvisoria: grazie con tutto il cuore.
Non posso dimenticare le maestre Consuelo, Elisabetta e Silvia per il loro straordinario lavoro, la scuola vive grazie a voi!!!
Don Marco


[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata