06 Luglio 2020
News
percorso: Home > News > News Generiche

MESSAGGIO PER LA PASQUA 2020: Vescovo Francesco

07-04-2020 17:12 - News Generiche
Carissimi fratelli e sorelle,
desidero raggiungerVi con questo mio messaggio pasquale in un momento nel quale la nostra vita ordinaria è stata invasa e stravolta dalla straordinarietà della quarantena imposta a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.
Vorrei riflettere con voi sulle parole che il giorno di Pasqua, attraverso i mezzi di comunicazione e insieme ai nostri familiari, avremo modo di ascoltare con la proclamazione del Vangelo di Matteo:
«Ma l’angelo disse alle donne: “Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso.
Non è qui. È risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto» (Mt. 28, 5-6).
È come se anche le parole del Vangelo volessero associare le nostre paure alla paura quelle donne che, di buon mattino nel giorno dopo il sabato, vanno al sepolcro e si trovano sconvolte per quel che vedono: la tomba vuota! Non basta quanto hanno vissuto durante la passione del venerdì? Sembra che le loro angosce non siano cessate: non era già sufficiente uccidere Gesù sulla croce? Era necessario ora trafugare il suo corpo? Dal cuore di queste donne nasce e si sviluppa un susseguirsi di paure che, in qualche modo, stiamo vivendo e percependo anche noi in questi giorni.
Gli scienziati dicono che una delle reazioni più tipiche registrate in questi casi di pandemia è proprio quella di sperimentare la paura, un’emozione primaria e fondamentale per la nostra difesa e sopravvivenza: se non la provassimo non riusciremmo a metterci in salvo dai pericoli che incontriamo nella vita.
Abbiamo paura del contagio, di ammalarci e di contagiare i nostri cari, paura di un ricovero forzato, paura di morire e di rimanere soli, paura di perdere affetti importanti e di non poterli salutare, paura di non avere da mangiare, di non poter uscire, di perdere il posto di lavoro, paura di non poter tornare alla vita di sempre, paura su paura. Tutte queste angosce si sono aggiunte a quelle che ci accompagnano ordinariamente: paura del disastro ambientale, dei terremoti, degli esperimenti genetici in laboratorio, paura del vicino, del diverso, paura dell’immigrato e del povero, paura del terrorismo e della guerra, paura su paura.
Seppur scoraggiati da queste paure, Vi chiedo di ascoltare la risposta dell’angelo alle donne spaventate: «Non abbiate paura».
L’angelo accanto al sepolcro vuoto sembra non parlare più soltanto alle mirofore, cioè alle donne che portano gli unguenti per la sepoltura, ma parla a me e a te. «Francesco, non avere paura!». Questo invito a non temere percorre tutta la storia biblica. Nella Scrittura, infatti, questa parola è rivolta da Dio a tantissimi testimoni: da Abramo nostro padre nella fede, a Mosè chiamato a guidare il popolo nel deserto; da Giuseppe sposo di Maria, alla stessa Maria, Madre di Gesù e nostra; fino a Pietro, timoroso e incerto sulle acque.
Così, oggi, questo invito divino raggiunge, con la sua consolazione e speranza, anche me e te: «non avere paura, fratello, sorella: coraggio, non temere!».
L’angelo invita i credenti a non lasciarsi traviare dai timori e dai dubbi di fronte alla tomba vuota, a superare i limiti della morte di Gesù. Un invito a pensare a Lui in un modo diverso e completamente
nuovo che richiede di reimpostare il rapporto con Lui. Un po’ come le nuove modalità di rapporto che abbiamo dovuto inventarci, con fantasia e intraprendenza, in questo tempo di forzato isolamento sociale.
Il Papa, venerdì scorso 27 marzo, durante il discorso che precedeva la Benedizione Urbi et Orbi così ha pregato: «Signore tu ci chiedi di non avere paura. Ma la nostra fede è debole e siamo timorosi [...]. È il tempo di reimpostare la rotta della vita verso di Te, Signore, e verso gli altri. E possiamo guardare a tanti compagni di viaggio esemplari che, nella paura, hanno reagito donando la propria vita».
L’invito dell’angelo a vedere non indica soltanto un guardare che si interroga, che cerca una risposta ma è ancora immerso nel dubbio e nella titubanza; è un vedere trasfigurato, contemplativo, capace di trascendere i limiti della paura e dell’apparenza, in grado di cogliere ciò che sta al di là, oltre la paura, oltre la tomba vuota. Vedere è il verbo proprio della fede, infatti vedere oltre significa avere fede.
Finalmente, l’angelo rivela il segreto, l’arcano mistero che dona gioia e stupore a questa Domenica di Risurrezione, l’Ottavo giorno senza tramonto. Allora, non bastano più le logiche umane, un toccare e un vedere limitati dalle paure, ma deve immettersi nel nostro oggi la novità che trasfigura il nostro dolore e la nostra angoscia poiché Gesù “è stato risuscitato”. L’evangelista Matteo usa volutamente un passivo teologico perché vuole lasciar intendere che la risurrezione è un’azione esclusiva di Dio, scaturita dalla Sua potenza e grazia. Se la tomba è vuota è opera di Dio.
Per vedere e comprendere tutto questo, dobbiamo passare dal ragionamento alla fede, dal calcolo all’abbandono totale nelle mani del Creatore.
Vorrei concludere con l’invito che Papa Francesco ha rivolto a tutto il mondo: “Abbracciare il Signore per abbracciare la speranza: ecco la forza della fede, che libera dalla paura e dà speranza”.
Questo è il messaggio pieno di fiducia che desidero parteciparVi in questa Pasqua invitandoVi a non avere paura e ad alimentare uno sguardo di fede capace di aprirsi alla speranza di una vita nuova che rinasce dalla croce. E questo, nell’attesa di poterci nuovamente abbracciare, di condividere il dolore delle molte perdite di vite umane e di tornare a rallegrarci in Lui con nuovi stili di vita e un rinnovato rispetto verso noi stessi, la natura, i rapporti sociali ed economici.
A Voi tutti e alle Vostre famiglie, un augurio affettuoso di una santa Pasqua di speranza e di Risurrezione.
Il Vostro vescovo
+Francesco

Eventi

[<<] [Agosto 2020] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      

Foto gallery

Documenti

Le cose più belle sono quelle fatte col cuore

Grazie a:

Albergatori e Giovani Noale
Altare Devozionale San Giuseppe
Arcidiocesi Camerino-San Severino Marche
Aregolad Artebenef
Asilo Infantile Motta e Corno
Associazione “Amore per Amore”
Associazione “Burlapom”
Associazione “Des Amis”
Associazione “Guido Tresoldi”
Associazione “Tutto e Amore”
Barbi Agnese
Bellucci Claudia
Bianchini Abizzati
Borgata Vermeglio San Damiano d’Asti
Caritas Cremonese
Casa Madre Istituto Figlie della Cabenef
Casa Madre Istituto Figlie della Carità Canossiane
Caterina Rossi-Rimini
Chiesa Parrocchiale Santa Maria Assunta
Club “Puffolandia” 500
Compagnia Santissimo Sacramento
Comune di Camerino
Comune di Premolo
Comunità di Mezzocorona
Cri Venezia
Dedalo Cooperativa Sociale
Diocesi di Cremona
Dipendenti Gruppo Boscarini
Don Alessio Orazi e famiglie Osimo
Don Carlo Cipollini
Don Claudio Robbiati e il gruppo giovani
Don Davide Bottinelli
Don Ivo Fiorini - Manerba
EdilCommercio
Famiglia Mancinelli Giovanni
Festa “Le Mosse”
FISM Emilia Romagna
FISM Nazionale
FISM Trento
Flavio Cattini
Francescon Valter e Piovan Emanuele
Galbiati Graziano
Gastaldi Umberto
Gentili Glenda
Gruppo Giovani del Comitato Valceresio
Gruppo Missionario Casirate
Gruppo Missionario Noale
Gruppo Ricreativo Anziani di Neggio - Lugano
Gruppo Scout “Valguarnera 1”
Inner Wheel Club Torino;
Leonardelli Manuela
Leoni Fiorentino
Loredana Raimondi
Milan Club Camerino
Municipio di Vernate – Lugano
NGL Reggio Emilia
Noi e il Terzo Mondo
Operai ditta Pontenossa
Oratorio Mano nel Verde - Manerba
Oratorio Maschile Casirate
Parrocchia Cristo Risorto - Parma
Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Vicenza
Parrocchia di Santo Stefano
Parrocchia Natività S.G. Battista - Villa Bagno Reggio Emilia
Parrocchia San Andrea Apostolo - Premolo
Parrocchia San Andrea - Favaro Veneto
Parrocchia San Pio
Parrocchia San Pio X
Parrocchie di Vernate, Neggio, Iseo e Cimo - Lugano
Pisetta Nicoletta
Ponti Luca
Pontificio Seminario Lombardo
Pro Loco Ponte di Piave
ProLoco Serra San Quirico
Ragazze di “destinazione Camerino” - Firenze
Raimondi Loredana
Rotary Club Camerino
Scuola dell’Infanzia Sacra Famiglia - Cremona
Scuola dell’Infanzia San Giovanna Beretta Molla
Scuola Elementare Gorno
Scuola Materna Cattarossi
Soverchia Laura
Tozzi Michela
Trexom Srl

CONTRIBUTI RICEVUTI A SOSTEGNO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA:

ANNO 2016: €14411,00

ANNO 2017: €180034,1

ANNO 2018: €61860,96

ANNO 2019: €5000

TOT: € 261306,06

SPESE (al 1 marzo 2020) € 259753,35


Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account